Riqualificazione del Mercato Ortofrutticolo di Treviso

19 set Riqualificazione del Mercato Ortofrutticolo di Treviso

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

Immagine1

 

Grazie ad un importante accordo tra pubblico e privato verrà  riqualificata una delle strutture più obsolete e vetuste della città.

Il mercato delle Stiore cambia volto.

 

 

Finalmente – dopo un iter burocratico lungo e complesso che ha messo insieme volontà e visione politica, risorse economiche, competenze tecniche, ingegneristiche e manageriali- creando una forte alleanza tra il pubblico (Comune di Treviso) ed il privato (C.O.M Treviso s.r.l quale proponente ed espressione degli imprenditori ortofrutticoli), con il supporto di una task force di strutture esterne con competenze ingegneristiche (Urban Professionals), economiche finanziarie e manageriali (A&A consulenza), e legali (Studio BarelMalvestio e associati) è ora possibile affrontare l’attesa riqualificazione del grande mercato ortofrutticolo di Treviso delle Stiore.

I 60 mila metri quadri del mercato, con le attuali 12 strutture esistenti, verranno riqualificati – in linea coi mercati di Padova e Verona -e saranno dotati di una grande copertura in acciaio (12 mila metri quadri), che caratterizzerà in maniera innovativa uno dei principali ingressi in città, cambiando il volto delle Stiore- garantendo al contempo la sostenibilità ambientale (equilibrio idraulico e zero consumo di suolo), l’efficientamento energetico (700 Kwp di impianto fotovoltaico che produrranno energia che basterebbe per alimentareben 230 appartamenti),consentendo così agli attuali 500 addetti di lavorare, nelle ore notturne (dalle 2 alle 8), in condizioni di sicurezza , qualità ed igiene degli alimenti, coperti soprattutto da gelo ed intemperie a vantaggio degli oltre 300 dettaglianti che ogni mattina si recano al mercato.

L’intera operazione avrà un costo complessivo di 5 milioni e 200 mila euro,  prevede una cantierizzazione rapida (non più di 6 mesi), per non impattare sull’operatività del mercato e sulla viabilità circostante, e verrà concepita in ottica totalmente smart per rispondere alle esigenze di modernizzazione di una struttura fondamentale per la città, ma obsoleta e vetusta,  progettata nel 1956 ed inaugurata nel 1960.

Urbanpro Conferenza stampaOggi per il mercato di Treviso è un giorno molto importante dichiara il sindaco di Treviso Giovanni Manildo – quest’area attendeva una risposta da vent’anni. La proposta che oggi viene presentata rappresenta una novità importante sia per la valorizzazione di una struttura strategica della città, sia per lo sviluppo di un’attività economica che ha delle fortissime ricadute in termini occupazionali sul nostro territorio. L’area del mercato impiega oltre 600 famiglie. Ringrazio gli assessori e gli uffici che da tempo lavorano a questo progetto oltre a tutta la squadra dei progettisti. Siamo pronti a scrivere una nuova pagina della storia di quest’area della città”.

Sono molto soddisfatta di questo risultato  – commenta l’assessore alle finanze Alessandra Gazzola -Sono tanti anni che gli operatori del mercato lo attendevano e finalmente l’abbiamo raggiunto insieme. Ringrazio tutti coloro che in questi mesi hanno lavorato alacremente per elaborare questo progetto e gli uffici comunali che hanno saputo coordinarsi e completare il complesso iter amministrativo nei ristretti tempi previsti dalla norma”.

Un mercato ancora più moderno, all’altezza delle aspettative dei clienti. E’ così che vogliamo restituire l’area mercatale alla città di Treviso – dichiara l’assessore alle attività produttive Paolo Camolei – Una nuova struttura che la città attende da anni. Oggi non posso che esprimere grande felicità e soddisfazione per il futuro sviluppo di un servizio essenziale nella distribuzione”.

Urbanpro Ing. Bonaccini“Con questo progetto”- ha spiegato il progettista Filippo Bonaccini nella conferenza stampa– “abbiamo cercato di garantire il miglioramento delle condizioni lavorative ed igienico sanitarie di addetti ed operatori, la razionalizzazione della logistica e la messa in sicurezza delle operazioni di carico scarico per gli oltre 300 mezzi che ogni notte transitano al mercato, la totale sostenibilità ambientale e soprattutto – cosa significativa per la comunità- grazie all’ organizzazione delle strutture, la possibilità di fruire di una grande e nuova piazza coperta a disposizione della città e del territorio”.

 

URban pro conferenza stampaLa tappa di oggi”- ha affermato  Francesco Volpato, ingegnere e presidente di C.O.M Treviso s.r.l– “è, per noi imprenditori, fondamentale e motivo di grande soddisfazione, perché non solo conferma che la strada pubblico – privato era ed è quella giusta, ma è anche la soluzione ottimale che abbiamo atteso per anni e fortemente voluto per garantire l’occupazione ai nostri addetti, mantenere la continuità delle nostre imprese, soprattutto guardare al futuro con una struttura adeguata per affrontare le nuove sfide che oggi impongono i moderni mercati, con nuovi flussi e continui aumenti di merci anche da e per l’estero”.

Dopo 57 anni, ora il progetto dovrà concludere l’iter previsto dai parternariati (gara, cantierizzazione, collaudo) e potrà vedere la luce presumibilmente tra le fine del 2018 e l’inizio del 2019.

Fotolia_83518047_XSMercato Ortofrutticolo di Treviso, Proposta Partenariato SCARICA